Binari per Como

Il treno è il mezzo del passato o quello del futuro?

Per rispondere a questa apparentemente semplice domanda, l’associazione Oltre ha organizzato un incontro che si è tenuto a Faloppio il 23 di Maggio scorso.

All’evento, patrocinato dal Comune di Faloppio, sono intervenuti come ospiti l’Architetto Carlo Malugani, Presidente Reti Ferrovie Nord Milano, l’Architetto Roberto Ghioldi, Presidente dell’Associazione “Como in treno”, e il Professor Salvo Bordonaro, Presidente del Club Treni Brianza.

La serata è stata presentata dal dr. Ruggero Spoto che ha introdotto l’argomento percorrendo quelle che sono state le tappe della storia del treno e come questa si sia più volte intrecciata anche con espressioni artistiche e culturali.

Dopo i saluti dell’assessore Paolo Lampreda, in rappresentanza del comune di Faloppio, Roberto Ghioldi ha presentato il libro dal titolo “Binari per Como” che traccia la storia del treno sul territorio comasco, dalla sua nascita alla situazione attuale, passando dal declino degli anni 60 quando la linea Como-Varese venne dismessa.

Da questa iniziale fotografia della situazione, Carlo Malugani ha sapientemente descritto la situazione di Ferrovie Nord focalizzandosi maggiormente sui progetti e sul futuro delle ferrovie, un futuro che sembrerebbe riprendere un trend in crescita contrariamente a quanto accaduto negli ultimi 50 anni.

Dopo questo sguardo in avanti, per meglio capire  dove andare in termini di scelte, Salvo Bordonaro  ha completato il quadro approfondendo la storia del treno, per comprendere quali sono stati gli eventi che hanno caratterizzato l’attuale situazione tra ricordi e qualche rimpianto.

Il treno, mezzo di trasporto che appartiene culturalmente al passato oggi invece ritorna a far parlare di sé, grazie alla sua intrinseca natura imperniata su un modello di mobilità più sostenibile rispetto all’attuale sistema su gomma. Ma non è solo la tutela dell’ambiente a riportare in auge l’importanza del treno fino a far pensare di ripristinare alcune linee dismesse, ma anche la velocità di spostamento di uomini e merci ormai tendente a zero nei pressi dei grossi centri urbano.

Passato, presente e futuro di un mezzo di trasporto che tra alti e bassi non conosce il declino e oggi torna ad essere competitivo sul corto raggio anche con l’aereo (pensiamo alla tratta Milano-Roma), ma che per funzionare come sempre necessita di progettazione e lungimiranza e di quella capacità decisionale che deve anteporre l’interesse pubblico a quello privato.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...