Statuto

Art.1 

Disposizione e sede

È costituita con sede in via Manzoni 1, Lurate Caccivio (CO) , l’associazione di promozione sociale denominata: “Associazione Culturale Oltre”ai sensi della legge 383/2000 e nel rispetto del codice civile.

Art.2 

Scopo

  1. L’associazione è apolitica e non ha scopo di lucro. Durante la vita dell’associazione non potranno essere distribuiti, anche in modo indiretto o differito, avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale.
  2. L’associazione si propone di sostenere l’etica pubblica, lo sviluppo della cultura, la semina dei sentimenti della legalità e della meritocrazia, il rispetto dell’ambiente così come previsto nell’atto “Costitutivo”.

Al fine del raggiungimento del proprio scopo l’associazione potrà in particolare:

  • promuovere e stimolare e diffondere la costituzione di associazione affiliate, nel seguito chiamate “Associazioni Territoriali”;
  • organizzare iniziative,manifestazioni e convegni;
  • promuovere studio e ricerche su temi sociali;
  • organizzare corsi di formazione culturale e sociale;
  • stabilire rapporti con enti, istituti ed associazioni italiani e stranieri che possano concorrere o favorire il raggiungimento degli scopi sociali;
  • pubblicare e/o curare la pubblicazione di libri, riviste e/o di periodici e atti dell’Associazione;
  • perseguire finalità di solidarietà sociali;
  • intraprendere iniziative di informazione e riflessione sulle tematiche di soddisfacimento dei bisogni collettivi ed individuali attraverso i valori della solidarietà;
  • organizzare e promuovere servizi sociali e assistenziali, anche domiciliari, per il sostegno dei cittadini in condizione di difficoltà anche temporanee;
  • organizzare e promuovere servizi sociali e assistenziali, anche domiciliari;

L’attività degli associati è svolta prevalentemente a titolo gratuito. E’ ammesso il rimborso delle spese effettivamente sostenute e documentate per lo svolgimento delle attività nei limiti fissati dall’assemblea dei soci. L’associazione, in casi di particolare necessità, potrà assumere lavoratori dipendenti o avvalersi di prestazioni di lavoro autonomo, anche ricorrendo ai propri associati.

Art. 3

Durata

L’Associazione ha durata illimitata

Art. 4 

Patrimonio, bilancio ed esercizi sociali

Il patrimonio è costituito:

  • dal fondo di dotazione iniziale, costituito dai versamenti effettuati dai soci fondatori;
  • dai contributi versati dai soci al fine di incrementare il fondo di dotazione nonché da qualsiasi contributo o liberalità da chiunque ricevuto per la medesima finalità;
  • da eventuali fondi di riserva costituiti con le eccedenze di bilancio;
  • dai beni mobili ed immobili che diverranno di proprietà dell’associazione.

Le entrate dell’associazione sono costituite:

  1. quote e contributi degli associati;
  2. eredità, donazioni e legati;
  3. contributi dello stato, delle regioni, di enti locali, di enti o di istituzioni pubblici, anche finalizzati al sostegno di specifici e documentati programmi realizzati nell’ambito dei fini statutari;
  4. contributi dell’Unione europea e di organismi internazionali;
  5. entrate derivanti da prestazioni di servizi convenzionati;
  6. proventi delle cessioni di beni e servizi agli associati e a terzi, anche attraverso lo svolgimento di attività economiche di natura commerciale o artigianale svolte in maniera ausiliaria e sussidiaria e comunque finalizzate al raggiungimento degli obiettivi istituzionali;
  1. erogazioni liberali degli associati e dei terzi;
  2. entrate derivanti da iniziative promozionali finalizzate al proprio finanziamento, quali feste e sottoscrizioni anche a premi;
  3. altre entrate compatibili con le finalità sociali dell’associazionismo di promozione sociale.

Il consiglio direttivo annualmente stabilisce la quota sociale minima. E’ comunque facoltà degli aderenti di effettuare versamenti ulteriori.

L’esercizio finanziario chiude al 31 dicembre di ogni anno.

Entro quattro mesi dalla fine di ogni esercizio verrà predisposto dal Consiglio Direttivo il bilancio consuntivo ed eventualmente il bilancio preventivo del successivo esercizio da presentare all’assemblea dei soci.

TITOLO II

Soci

Art.5

Soci

Sono soci le persone fisiche che condividendo le finalità dell’Associazione, si impegnino per realizzarle e versino la quota sociale annualmente stabilita dal Consiglio.

Il genitore o chi ne fa le veci sottoscrive per conto del socio minorenne la domanda di adesione e rappresenta il minore a tutti gli effetti nei confronti dell’associazione e risponde per tutte le sue obbligazioni.

le domande di adesione vanno indirizzate,in forma scritta,al Consiglio Direttivo,su apposito modulo, che dopo il necessario vaglio, delibera in merito al loro accoglimento. Il provvedimento di accoglimento o di rigetto di domanda di adesione da parte del Consiglio Direttivo è insindacabile.

L’associazione è altresì caratterizzata dalla democraticità della struttura, dall’eguaglianza dei diritti di tutti gli associati, dell’elettività delle cariche associative. Tutti i soci maggiori di età, in regola con il pagamento della quota associativa, avranno diritto di voto in Assemblea.

la qualità di socio dell’Associazione si perde per recesso, inviando una comunicazione scritta all’Associazione mediante lettera raccomandata un mese prima della scadenza dell’anno in corso; per mancato pagamento della quota sociale accertato e dichiarato dal Consiglio Direttivo; per provvedimento di radiazione deliberato dal Consiglio Direttivo pronunciata contro il socio che commette azioni ritenute disonorevoli entro e fuori dall’Associazione, o che, con la sua condotta costituisce ostacolo al buon andamento del sodalizio.

I soci si dividono in:

  • Soci fondatori
  • Soci ordinari
  • Soci onorari

Le modalità di Associazione per ogni categoria dei soci sono riportate nell’apposito regolamento.

I soci fondatori sono le persone fisiche che abbiano sottoscritto l’atto Costitutivo.

I soci ordinari sono le persone fisiche che desiderino sostenere con la propria azione o con il proprio particolare contributo l’attività dell’Associazione e facciano richiesta di adesione dopo la data di costituzione e siano ammessi a far parte dell’Associazione.

La suddivisione degli aderenti in categorie diversi di soci, non implicherà nessuna differenza di trattamento in merito ai loro diritti nei confronti dell’associazione. L’elezione degli organi dell’Associazione non può essere in alcun modo vincolata o limitata ed è informata a criteri di massima libertà di partecipazione all’elettorato attivo e passivo.

TITOLO III

Art.6

Organi dell’Associazione

Sono organi dell’Associazione:

  • L’Assemblea dei Soci
  • Il Consiglio Direttivo
  • Il Segretario
  • Il Presidente

Tutte le cariche vengono assunte a titolo gratuito

Art. 7

Assemblea dei Soci

  1. L’Assemblea dei soci, composta dai soci fondatori, ordinari e onorari, è l’organo sovrano dell’Associazione.
  2.  l’Assemblea si riunisce almeno una volta all’anno su convocazione del Presidente o in caso di suo impedimento, su convocazione del Vice Presidente, o su richiesta di  almeno un quinto dei soci.
  3. La convocazione avviene mediante comunicazione scritta, a mezzo anche di posta elettronica o di altro mezzo idoneo, diretta a ciascun socio con preavviso di 15 (quindici) giorni.

La convocazione contiene data,ora,luogo e ordine del giorno.

  1. l’Assemblea dei Soci delibera in merito a:
  • fissa gli indirizzi a cui si deve attenere il Consiglio Direttivo nel definire le attività dell’Associazione;
  • elegge il Consiglio Direttivo;
  • elegge i membri del Collegio dei Probiviri ;
  • elegge il Presidente Onorario;
  • approva le modifiche dello statuto;
  • approva nella riunione annuale il rendiconto predisposto dal Consiglio Direttivo sulle attività svolte nell’anno precedente;
  1. Le Assemblee ordinarie deliberano a maggioranza semplice dei soci intervenuti e sono validamente costituite, in prima convocazione, con la presenza di almeno la metà dei soci, in seconda convocazione, qualsiasi sia il numero degli intervenuti.
  2. L’assemblea straordinaria delibera in merito a:
  • Le modifiche dell’atto costitutivo e dello statuto;
  • Lo scioglimento dell’associazione e la nomina dei liquidatori.

Il presente statuto è modificato con deliberazione dell’assemblea straordinaria da adottarsi a maggioranza dei voti dei comparenti presenti, costituita in prima convocazione con la presenza dei ¾ degli associati e in seconda convocazione con la presenza di almeno la metà dei soci.

Art.8

Il Consiglio Direttivo

8.1  il Consiglio Direttivo è l’organo a cui compete la formulazione  e la realizzazione dei programmi di attività dell’Associazione e in genere la gestione della stessa;

8.2  il Consiglio Direttivo è composto da un minimo di tre a un massimo di quindici membri eletti dall’Assemblea dei soci secondo l’apposito regolamento. Dura in carica un anno.

8.3  Le riunioni del Consiglio Direttivo vengono convocate dal Presidente o in caso di suo impedimento dal Vice Presidente o dal membro più anziano.

La convocazione si effettua a mezzo di  posta elettronica o altro mezzo idoneo spedito almeno 10 (dieci) giorni prima della data fissata per l’adunanza,o nei casi di urgenza a mezzo telefono con preavviso di 1 (uno) giorno.

8.4  Le riunioni sono validamente costituite con la presenza di almeno la metà dei suoi membri e sono presiedute dal Presidente o,in caso di sua assenza dal Vice Presidente o da un membro del Consiglio Direttivo eletto tra i presenti.

Le delibere sono valide a maggioranza dei presenti,salvo il caso di delibera sulla revoca del mandato al Presidente, al Vice Presidente e al Segretario per la quale è necessaria la maggioranza assoluta dei membri del Consiglio Direttivo.

In casi di parità prevale il voto del Presidente.

8.5  Sono competenze del Consiglio Direttivo in particolare:

  • L’elezione del Presidente e del Vice Presidente a meno che questi non siano stati nominati dall’Assemblea in sede di elezione del Consiglio stesso;
  • L’elezione del Segretario Generale ;
  • La preparazione, entro quattro mesi dalla fine dell’esercizio economico-finanziario, del rendiconto dell’attività svolte dall’Associazione nel corso dell’ultimo esercizio da sottoporre all’Assemblea dei Soci;
  • La formulazione del programma dettagliato di attività e la sua realizzazione ;
  • La determinazione delle quote annuali di Associazione, distinta per tipologia di Soci;
  • Il vaglio delle domande di adesione;
  • L’approvazione dei regolamenti necessari per la gestione dell’Associazione;
  • Il deferimento al Collegio del Provibiri per la  valutazione dei casi di esclusione delle persone fisiche dalle cariche associative;
  • Deliberare  in prima istanza sulla radiazione dei Soci che svolgono attività e/o mantegono un comportamento non conforme agli scopi sociali,alle norme del presente Statuto e dei Regolamenti di volta in volta emanati dallo stesso Consiglio Direttivo ai quali tutti i Soci devono conformarsi .

Art. 9

Il Presidente

9.1  Il Presidente dell’Associazione :

  • ha, a tutti gli effetti,  la rappresentanza dell’Associazione davanti a terzi e in giudizio;
  • convoca le riunioni del Consiglio Direttivo e dell’Assemblea dei Soci ne prepara l’ordine  del giorno, le presiede;
  • assicura pronta ed efficace esecuzione delle delibere dell’Assemblee dei Soci e del Consiglio Direttivo;
  • propone al Consiglio Direttivo i componenti del Consiglio stesso per le cariche di Vice Presidente e di Segretario;
  • può delegare, previa ammonizione del Consiglio,alcune delle proprie competenze al Vice Presidente o ad altro consigliere.

9.2  In caso di assenza o di impedimento del Presidente questo sarà sostituito dal Vice Presidente

9.3  Il Presidente dura in carica con lo stesso termine del Consiglio Direttivo.

Art. 10

Il segretario

Il Consiglio Direttivo elegge  il Segretario e gli conferisce i compiti e i poteri che ritiene opportuno nei limiti delle sue funzioni o della attribuzione dei poteri, al Segretario spetta anche la rappresentanza dell’Associazione di fronte ai terzi per ordinaria amministrazione.

Il Segretario redige i verbali delle riunioni del Consiglio Direttivo e dell’Associazione dei Soci e mantiene aggiornato l’elenco dei Soci in apposito registro.

TITOLO IV

Art. 11

Il presidente onorario

Può essere eletto Presidente onorario il socio cha abbia superato il quarantesimo anno di età e che si sia contraddistinto per impegno al raggiungimento degli scopi istituzionali dell’associazione.

L’Assemblea dei Soci delibera di eleggere il Presidente Onorario.

E’ in ogni caso eletto Presidente onorario il Presidente che cessa la propria carica.

SCIOGLIMENTO DELL’ASSOCIAZIONE

Art. 12

Lo scioglimento dell’Associazione deve essere deliberato dall’Assemblea degli associati con il voto favorevole di almeno tre quarti dei componenti dell’Assemblea stessa sia in prima, sia in seconda convocazione.

In caso di scioglimento l’Assemblea provvede alla nomina di uno o più liquidatori, anche non associati, determinandone gli eventuali compensi. Il patrimonio residuo che risulterà dalla liquidazione è devoluto ad associazioni culturali che abbiano le stesse  finalità sociali conformi ai fini istituzionali dell’Associazione, salvo diversa destinazione imposta dalla Legge.

Annunci